Turismo delle biciclette ecco 21 nuovi percorsi

Il “Vi.bike tourist lab" vuole trasformare la città in una capitale del cicloturismo «Serve una rete di servizi»

 

23 09 2019rs

da "Il Giornale di Vicenza", venerdì 13 dicembre 2019, di Laura Pilastro

 


Trecento chilometri di tracciati, sette aree ricche di fascino e 21 percorsi per tutti gusti: sono i punti di avvio di un’iniziativa che vuole fare di Vicenza una delle “capitali” della bicicletta. Il progetto, finanziato da Camera di commercio e Provincia, si chiama “Vi.Bike' ed è dedicato alla valorizzazione del territorio come destinazione per il cicloturismo. Una missione che parte da un dato: il numero di chi sceglie la mobilità lenta per viaggiare è in crescita. E allora guai a lasciarsi sfuggire l’occasione.

Il concetto è stato ribadito ieri, nel corso del "Vi.Bike torsi lab", un brainstorming” che si è tenuto nella sede della Camera di commercio e ha visto la partecipazione di ciclisti eccellenti - alcuni dei quali testimonial della campagna di promozione dell’iniziativa - come l’imprenditore Matteo Marzotto e il procuratore sportivo Claudio Pasqualin.


A occuparsi del progetto, nel ruolo di destination manager della Provincia, è Vicenzaè, che cura la comunicazione e il marketing dell’iniziativa: «Il lavoro - spiega Carla Padovan del consorzio - è iniziato lo scorso anno, con l’ascolto dei territori e la realizzazione dei tracciati. La provincia è stata suddivisa in sette hub. Dai paesaggi di Palladio ai territori delle risorgive, dai colli Berici all’area del Brenta, solo per cintarne alcuni. Abbiamo iniziato a sensibilizzare le amministrazioni comunali e gli operatori turistici sulle esigenze dei cicloturisti. Si tratta di fare sistema». Ciò che deve migliorare, prosegue Padovan, «è la rete di servizi per chi gira in bici. Ad esempio, anche una rastrelliera dove parcheggiare il mezzo mentre si visita una villa veneta può fare la differenza quando si tratta di attirare turisti amanti delle due ruote». «Offrire queste opportunità - aggiunge Nicola Piccolo, consigliere delegato al turismo della Camera di commercio - significa far conoscere il territorio a una tipologia di turisti in aumento». Messa a punto anche una app dove consultare gli itinerari del progetto, con foto e descrizioni. Per il consigliere provinciale delegato al turismo, Leonardo De Marzo, «l’obiettivo è tornare a contare, a livello regionale, nel settore turistico. Occorre uno sforzo collettivo degli operatori per alzare lo standard.

 

aderisce a FIAB ONLUS - Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta

Dalla parte di chi #pedalaognigiorno

email: info@fiabbassano.it

segui FB

Privacy Policy

Questo sito usa cookie per garantirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy. Accetto i cookies OK