Arti e Mestieri in Bicicletta

UNA PROFESSIONE. UNA BICICLETTA!

arti e mestieri in bicicletta

Una volta era proprio così, facevi l’arrotino?
...ecco che la bicicletta veniva pensata e trasformata per l’affilatura dei coltelli, forbici e lame da taglio.
Lo stesso accadeva per il calzolaio, pollivendolo, fornaio, norcino, postino, lattaio e così via per tutti quei lavori di allora.
È l’evoluzione dei tempi, ad inizio e per buona parte del 900 la bicicletta era uno dei fattori “strategici” per far girare l’economia.
Questo fino agli anni ’60 poi lentamente la bici giorno dopo giorno passava di moda, l’efficienza dei mezzi a motori, ha cambiato il nostro modo di gestire i nostri spostamenti e le attività economiche.
Con il nuovo millennio le cose però sono cambiate, la necessità di andare verso una mobilità sostenibile ha portato ad una riscoperta del mezzo “bicicletta”.
Nascono così nuovi concept di bicicletta, come le cargo bike, che con nuove geometrie e con l’adozione della pedalata assistita consentono una gestione più agevole del trasporto.
Non è un caso che società di corrieri espresso come DHL o UPS, giusto per fare degli esempi, hanno inserito nella propria flotta mezzi come queste particolari biciclette.
Oppure come la riscoperta della consegna del cibo a domicilio fatta in bici, rinascono così professioni che hanno la bicicletta come fulcro della propria attività come i “foodriders” o i moderni “pony espress”.
L’agilità della bicicletta, nei volumi di traffico dei giorni nostri, si sta rilevando come uno dei fattori vincenti, per rapidità e soprattutto per la sostenibilità, che la rende il mezzo di trasporto più ecologico in assoluto. Perché questa mostra proprio a Bassano? ... La bicicletta e Bassano, hanno da sempre un rapporto molto stretto.
Sarà la “B” iniziale, ma il rapporto oltre ad essere molto stretto, è di lunga data! Era il 1892 quando nasceva il “Veloce Club Bassano”, nel 1902 per festeggiare i dieci anni il prestigioso Touring Club Italiano, proprio qui a Bassano organizza uno dei primi raduni “cicloturistici” al mondo.

E a guardar bene, anche il cicloturismo si sta rivelando come una nuova prospettiva di professione, basti pensare alle “cicloguide turistiche”, figura professionale impensabile fino a 20 o 30 anni fa, o alle agenzie di bike marketing che studiano apposite strategie per il mondo dei bikehotel. Inconsapevolmente stiamo vivendo un cambio d’epoca, dove la bicicletta con i suoi 200 anni di storia continua ancora a stupire nascondendoci molte sorprese!

Conoscere le tradizioni ed i costumi passati aiuta a capire il presente per proiettarsi nel futuro.

Collezione privata di Aldo Serraiotto

aderisce a FIAB ONLUS - Federazione Italiana Amici della Bicicletta

Dalla parte di chi #pedalaognigiorno

email: info@fiabbassano.it

segui FB

Privacy Policy

Questo sito usa cookie per garantirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy. Accetto i cookies OK