Incidenti sulle strade Sei feriti ogni giorno

Proposta congiunta con la Fiab «Rete tra Comuni e diminuzione del limite di velocità a 30 all'ora per ridurre il numero dei feriti gravi»

 

rs11 12 2021

da "Il Giornale di Vicenza", sabato 11 dicembre 2021 di Francesca Cavedagna

Incidenti stradali e sicurezza: dati allarmanti, nel Bassanese, anche nell’ultimo anno. Dal convegno promosso ieri nella sala riunioni dell’ospedale San Bassiano dalla Fiab (Federazione italiana ambiente e bicicletta), in collaborazione con Comune di Bassano e Ulss 7 Pedemontana, sono emersi numeri impietosi. Le morti sulla strada sono state died, e per capire ancora meglio quanto questo numero sia allarmante è sufficiente pensare che secondo i dati Istat nel Milanese, nello stesso periodo sono state 53.

La mattinata di studi di ieri ha portato nella sala riunioni dell’ospedale San Bassiano il primario dei pronto soccorso Ulss 7, Andrea Favaro, il presidente della Fiab Renzo Masolo e insieme gli esperti di mobilità sostenibile Matteo Dondé e Francesco Seneci. Ne è scaturita la proposta di lavorare insieme per un piano intercomunale che riduca la velocità massima consentita nei centri abitati dai 50 ai 30 chilometro orari, così come già avviene in Spagna e in Francia, dove il numero degli incidenti gravi è nettamente inferiore.

II fenomeno degli incidenti stradali è percentualmente molto rilevante nelle operazioni e nelle prestazioni fornite dal pronto soccorso del San Bassiano. Il dirigente Andrea Favaro spiega: «Soltanto gli interventi in ambulanza per feriti sulla strada in un anno sono stati 600, ma gli accessi totali ai pronto soccorso dell’azienda sanitaria Pedemontana fatti anche in autonomia dai residenti, sempre per incidenti stradali, sono stati ben 2300». In pratica 6 feriti al giorno sulle strade del bassanese. «Queste cifre - è il commento del dottor Favaro - parlano da sole e danno la misura di quanto il nostro territorio sia particolarmente colpito da questo fenomeno, che come si può intuire ha subito un calo solo durante le fasi di lockdown dettate dalla pandemia».

Di questi 2300 casi, circa 150 hanno riguardato bambini, mentre sono 200 quelli che hanno avuto per vittime anziani di età superiore ai 75 anni. Ma non è tutto: «La media di incidenti in Italia è di 190 ogni 100 mila abitanti - ha proseguito Favaro -. Nel Bassanese questa media è nettamente superiore: 240. In Francia e Spagna, dove il limite di velocità nei centri abitati è stato ridotto a 30 km orari, gli incidenti sono subito diminuiti del 25 per cento. A 30 all’ora la possibilità di ferirsi gravemente è del 10 per cento, a 50 al 90 per cento. I costi in termini di drammi umani e sofferenze per i parenti elevatissimi, che si sommano a quelli per la sanità pubblica».

L’obiettivo non può che essere quello di rendere i centri abitati a misura di cittadino e non di auto: «Il numero degli incidenti che avvengono ogni anno sul nostro territorio è spaventoso - ha dichiarato Masolo -. La nostra proposta, come Fiab, è quella di far sì che tutti i Comuni lavorino insieme per far diminuire la velocità dei veicoli nei centri abitati, rivedendo i tracciati stradali e realizzando opere che portino le auto a procedere piano e i pedoni e ciclisti a riappropriarsi dei centri abitati in totale sicurezza, con vantaggi per le generazioni future, per la salute, la qualità della vita e dell’aria. Per farlo serve l’appoggio di tutti, anche tra amministrazioni vicine e di area, e con un piano intercomunale che viaggi nella stessa direzione, modificando rassetto stradale e potenziando il trasporto pubblico».

«Lavorare sulla mobilità significa avere a cuore la tutela della sicurezza dei nostri cittadini e agire a difesa dell’ambiente - ha sottolineato 0 sindaco di Bassano Elena Pavan -. Ben vengano iniziative di questo tipo, che ci permettono di mettere a fuoco nuovi strumenti per la qualità della vita nel nostro territorio».

 

aderisce a FIAB ONLUS - Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta

Dalla parte di chi #pedalaognigiorno

email: info@fiabbassano.it

segui FB

Privacy Policy

Questo sito usa cookie per garantirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy. Accetto i cookies OK